Agire di storia

Le foto dello spettacolo! Agire di Storia è un percorso partecipativo sulla memoria di un ...

Chi sposerà Kumba?

In occasione del Mercoledì del cuore del 13 giugno in C.so Diaz, in ...

Spartiti per Scutari orkestra

Spartiti per Scutari a Carpinello
La Spartiti per Scutari Orkestra è una formazione i cui componenti, circa 15 musicisti, provengono da un laboratorio di musica tradizionale albanese e hanno l’intenzione di rendere il pubblico che incontrano partecipe dell’esperienza che stanno vivendo. Questa sinergia tra laboratorio e orchestra consente un ricambio di persone o l’aggiunta di nuovi elementi, che sposano il progetto o semplicemente la musica e l’atmosfera socievole che li caratterizza.

Attualmente la musica che la banda suona è intonata dai seguenti strumenti: voci, fisarmoniche, violini, clarini, flauto dolce, flauto traverso, trombone, sax tenore, chitarra, bouzuki, contrabbasso, tapan, darbouka, riq e altre percussioni.

Il repertorio che la banda suona è molto vario ed è costituito sia da brani tradizionali che da brani composti da Prenke Jakova, brani originali, strumentali e cori.
È un repertorio che si presta sia a situazioni di ascolto che ad atmosfere da ballo. La Spartiti per Scutari Orkestra è una banda, un insieme di personaggi, una parata, un concerto da palco, un progetto che trova la sua forza dietro agli spartiti.

Spesso si dice che la musica è quello che ci metti dentro. Ecco, questa banda ci ha messo dentro: la musica è venuta dopo e ha trovato un terreno fertile, il gruppo è cresciuto e non ha più paura del buio.

Potete comprare il nostro cd nel negozio on line del giardino dei libri

Qualche brano dal cd "Qui è sempre primavera"

 

Progetto Viaggio in Scutari

Bardh JakovaIl progetto “Viaggio in Scutari” è un laboratorio nato nel giugno 2007 sulle musiche dell’Est tra le quali spiccano i brani della tradizione di Scutari (Albania) giunti fino a noi grazie alla meticolosa ricerca etnomusicologica svolta 40 anni fa da Tonin Zadeja e Tonin Daija.
Il progetto nasce dall’incontro tra un fisarmonicista di fama e di cuore, un violinista agitato e professionale, ed una casa abitata e abitabile in cui si trovano in ogni angolo la sede e la sete di un’associazione.

Tutti questi elementi hanno anche un nome ed una storia:

  • Bardh Jakova: fisarmonicista originario di Scutari, è il direttore artistico di tutto il progetto, si è diplomato nel suo paese e a Pesaro con Sergio Scappini, insegna al Centro Musicale Ca’ Vaina di Imola, all'accademia nazionale di Tirana, alla scuola di musica popolare di Forlimpopoli, presso Ferrara e Santa Sofia in altre due scuole, ama la cucina romagnola e conosce tutti i brani di Toto Cotugno;
  • Gioele Sindona: violinista nato e cresciuto in Romagna, vicedirettore, si è diplomato e laureato al conservatorio B. Maderna di Cesena, insegna alla Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, a Cosa Scuola MusGioele Sindonaic Accademy di Forlì, ama la natura e le diversità fino ad accettare anche se stesso;
  • Casa del Cuculo: un luogo fisico nelle colline di Fratta Terme in cui sono nati progetti, incontri, gruppi musicali, orti, bambini, feste, confronti, sogni terreni e sogni impossibili e sono stati tutti raccolti da un’associazione che porta lo stesso nome della casa.

Le grandi doti musicali di Jakova, e soprattutto la sua enorme spinta a condividere e trasmettere l’intenzione musicale caratteristica del proprio paese e delle aree circostanti, si sono perfettamente incontrate con la duttilità di pensiero e le variegate e cospicue competenze musicali di Sindona, trovando poi nella Casa del Cuculo il terreno adatto per germogliare.

Il laboratorio è in seguito cresciuto sia nella voglia di condividere e conoscere la cultura albanese, in particolar modo scutarina, attraverso le sue espressioni musicali, sia nell’intenzione di tutti i partecipanti di convivere e incontrarsi vivendo assieme un percorso di approfondimento che non si limita ad un’esperienza prettamente musicale, dando vita alla Spartiti per Scutari Orkestra.

Fin dai primi passi il laboratorio ha avuto come scopo quello di formare una banda musicale folkloristica dai toni accesi che potesse poi raggiungere la città di Scutari “in scooter” (!) dando voce al repertorio imparato.